Collettivomensa SpecialOne

titolo:
SPECIALONE (NON SI ESCE VIVI DALL’UNDERGROUND)

copertina:
SpecialOne

autori:
Mauro Zucconi (Chinaski77), Giusy Todaro, Vanni Santoni, Elena Rapa, Claudia Ragusa, Tuono Pettinato, Massimo Pasca, Jacopo Nacci, Ivan Manuppelli, Simone Lucciola, Gregorio Magini, Manuela Lino, Davide La Rosa, Giulio Giordano, Silvio Giordano, Walter Giordano, Gianluca Garrapa, Ciro Fanelli, Irene Dose, Rosaria Di Dio, Francesco D’Isa, Simone Ilovetu, Marco Corona, Luigi Copello, Pino Casammassima, Luca Buoncristiano, Marco Airoldi

data pubblicazione:
2009

pagine:
72

formato:
21×29,7cm

peso:
380 gr

prezzo:
€5

prezzo al chilo:
€13/kg

anteprime:

[...]Ti alzi al mattino e ti senti diverso, ti metti alla tastiera a scrivere e non sei più un sognatore coglione fallito, sognatore coglione fallito per giunta patetico perché non ti rendi conto che quello che scrivi non vale un accidente. Ah, no. Adesso quello che scrivi ha un valore e un prezzo. Adesso sai che c’è qualcuno interessato a leggerlo, a pagarlo, a pagare per leggerlo. Sei più che giustificato. Ma le persone che ti conoscono ti vedono identico a prima e non sono certo disposte a cominciare a portarti rispetto solo perché un tizio ti ha stampato e fascicolato dei fogli di carta con “scritte sopra le stronzate che hai scritto”. Sfaccendato inutile figlio di buona donna eri, triste inservibile rottame rimani.[...]
Mauro Zucconi (chinaski77)


Marco Corona

[...]«La faccenda dell’ironia e del disincanto iniziò nei primi anni ’80, ma in modo confuso, non troppo convinto. A quei tempi nessuno ci capiva niente su nulla. Credevamo che fosse perché eravamo giovani: la nuova generazione che si affacciava al mondo. Fresca di lotte studentesche. Una volta anch’io, come Massimo D’Alema, ho lanciato una molotov. Ma non era l’inesperienza il nostro tallone d’Achille: era il nostro cervello. Avevamo e naturalmente abbiamo ancora il cervello bacato, sbagliato. Eravamo come dei cani che cercano di mangiare con coltello e forchetta. I nostri discendenti e discepoli, quelli che alzano la mano in classe, verso i quali del resto non nascondo tutto il mio disprezzo, sono ancora peggio, sono come cani che hanno imparato a mangiare con coltello e forchetta. Fu attraverso la loro influenza che si passò gradualmente alla seconda fase dell’ironia e del disincanto.[...]
Gregorio Magini


Francesco D’Isa

 

scarica il pdf:
Scarica il pdf

compra il cartaceo:
Compra subito

aggiungi al carrello:
Aggiungi al carrello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 47 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: